nuovo polo scolastico in località Pragranda

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email

Il Progetto scelto a partecipato al concorso di idee per la realizzazione di un “Complesso Scolastico in località Pragranda” Città di San Mauro Torinese (TO), classificandosi al VII° posto nella graduatoria con un numero di 85 gruppi partecipanti.
La proposta progettuale nasce dall’idea di cerare un area come “Isola per l’istruzione e lo sport.
L’area dell’intervento necessità di un completamento di nelle strutture viarie a perimetrazione dell’area che si chiuderebbe ad anello.
Particolare attenzione è stata posta nel ricucire la realtà del tessuto urbano con annesse strutture pubbliche e residenziali, con primo obbiettivo di migliorare la qualità di vita complessiva dell’area.
Un sistema di percorsi pedonali e carrabili, con accesso diretto dall’esterno, rendono l’ipotesi progettuale funzionale e di alta permeabilità, tenendo in considerazione la fruizione di tutti i potenziali utenti sia diretti che indiretti.
Particolare attenzione è stata posta nei confronti di chi “diversamente abile” voglia raggiungere i luoghi desiderati in maniera rapida ed agevole.
L’accessibilità ai luoghi ha voluto privilegiare il pedone ed il ciclista rispetto all’automobilista, il quale, tramite un numero considerevole di posti auto, posizionati lungo il perimetro dell’area, può parcheggiare l’auto ed avere accesso all’area in maniera rapida e funzionale.
L’area destinata al verde per lo sport ed il tempo libero è stata collocata in posizione baricentrica tra le strutture scolastiche esistenti e quelle di progetto, ciò fa sì che tutti gli utenti o possibili fruitori, raggiungano i luoghi in esame in tempi brevi, rendendo agevole e comodo l’accesso in qualsiasi orario e, senza che questi possano essere di intralcio o di disturbo alle attività didattiche.
A rendere più vivibile e gradevole la permanenza dell’area, si è creato un habitat naturale con del verde e dei laghetti artificiali che creeranno in micro-clima naturale.
Nei confronti del centro commerciale in via di realizzazione, la proposta progettuale indica una sorta di filtro naturale, fatto da alberi ad alto e basso fusto, che separa i due ambiti.
Il posizionamento delle nuove strutture scolastiche, in relazione al tessuto urbano esistente, permette una facile accessibilità, percorribilità e fruizione da parte dei potenziali utenti ed accompagnatori.
L’idea progettuale nasce dall’ articolazione di un insieme ideale di spazi fisici, di tecnologie e di attrezzature capaci di rispondere al maggior numero possibile di domande e bisogni complessivi e dinamici delle attività educative, formative e sportive, in un rapporto diretto e libero con altre attività sociali e interesse pubblico.
Il progetto tiene in considerazione le normative vigenti a carattere edilizio ed urbanistico, cercando con accorgimenti compositivi di eliminare schemi e dettati rigidi su cui deve muoversi l’atto compositivo.
La proposta architettonica, pur articolandosi in funzioni ben distinte, punta ad un’immagine unitaria ed omogenea, simbolica e forte, che pone la scuola come segno visibile e tangibile della città e del suo territorio.

L’elevata flessibilità e versatilità di tutti gli spazi, oltre che consentire una forte modernità organizzativa consente di interpretare l’architettura come spazio funzionale in continuo divenire ed aperto ai bisogni della città e dei suoi abitanti.
Un aspetto importante che il progetto descrive è impresso nei segni visti come linguaggio per la lettura delle funzioni di ogni “corpo da realizzare” (Didattica, auditorium, mensa, biblioteca, palazzetto dello sport etc.).
La proposta di specifici spazi comuni, l’utilizzo di materiali atossici e di facile manutenibilità hanno l’obbiettivo comune di proporre un’architettura che sposa logiche moderne proiettate nel futuro.
Il sistema dei percorsi di accesso diretto alle varie strutture scolastiche, si pone nei confronti dei diretti fruitori in base alla fascia di età, lungo tali percorsi gli alunni trovano spazi di interscambio, di confronto diretto e di aggregazione collettiva.
Le strutture che ospiteranno le attività didattiche, dalla materna si articolano su due livelli attorno ad una corte comune in cui è stato collocato, in posizione centrale, un auditorium per circa 450 posti a sedere, che emerge dalla superficie di calpestio della corte a quota + 1,50 mt, fino a raggiungere una quota di – 2,00 mt. tramite una gradinata dotata di poltroncine.
Il piano seminterrato ospita i locali tecnici ed un area a parcheggio limitatamente accessibile e fruibile dal personale amministrativo e logistico (approvvigionamento vivande, manutenzione etc) e per l’accesso veicolare dei portatori di handicap.
Direttamente collegati all’auditorium vi sono dei servizi per gli utenti: hall con annesso bar-caffetteria, locali igienici con annessi spogliatoi.
Il piano terra si articola in tre corpi: scuola materna, scuola elementare e mensa, in una porzione di quest’ultimo collocano gli uffici amministrativi generali e del custode a diretto contatto con l’ingresso principale.
Al primo piano con lo stesso ordine descritto per il piano terra, si individuano: la scuola media, il biennio superiore e la biblioteca.
Uno degli accessi al piano primo avviene tramite una sorta di “rampa multifunzionale” che permette al pedone ed al ciclista di raggiungere la quota + 5,50 mt. in maniera comoda e rapida creando un suggestivo percorso panoramico sull’area attrezzata per lo sport ed il tempo libero. Nel suo involucro esterno vi sono delle gradinate per l’osservazione dei giochi all’aperto, mentre al suo interno si ricavano i locali spogliatoi per gli alunni e i docenti, con annessi servizi igienici.
Le aule didattiche ai piani terra si aprono verso l’esterno, con individuazioni di spazi di pertinenza all’aperto attrezzati per le attività di ricerca e ricreative.
Le aree a verde poste nei lati esterni alle varie strutture scolastiche, oltre a creare dei micro-climi naturali, rappresentano luoghi dove i bambini, sia in età materna che elementare, vivono e condividono la natura, con l’ausilio di spazi di osservazione naturale quali orti, zone a coltivazione, mini allevamenti, parco giochi etc.
L’edificio che ospita al piano terra la mensa ed al piano superiore la biblioteca offre, tramite ampie vetrate, una prospettiva panoramica sull’area attrezzata per lo sport.
Ai due lati opposti di tale struttura si pongono l’ingresso principale alla corte interna ed ai percorsi di accesso alle strutture scolastiche, e una gradinata esterna con una copertura frangisole che permette di effettuare lezioni all’aperto (aule verdi).
La realizzazione di questi spazi, ricavati dalle diverse quote, da un gioco di vuoti e pieni rappresentando forti segni di riconoscimento per chi osserva dall’esterno.
Le superfici dei prospetti sono caratterizzate dalla presenza di facciate ventilate che hanno un valore simbolico ma anche funzionale in quanto elementi determinanti della bioarchitettura come tutte le tecnologie utilizzate nel progetto, mirate al risparmio energetico ed all’ecosostenibilità.
All’interno dell’area attrezzato per lo sport ed il tempo libero sono stati ricavati impianti che permettono lo svolgimento di diverse discipline: l’atletica leggera, la pallavolo, il tennis e la pallacanestro per piccoli e grandi, inoltre vi è una palestra.
Tutte le attrezzature collettive come l’auditorium, gli impianti sportivi all’aperto e la palestra sono fruibili anche in orari extrascolastici.

X