mediateca+cinateatro

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email

il progetto nasce da un’attenta analisi del contesto dal quale sono tratti tutti gli elementi per il progetto.Il contesco è dato dalla città di Terzigno in provincia di Napoli in cui sotto la crosta di abusivismo edilizio è ancora possibile scorgere gli elementi architettonici del suo centro antico fatto di case semplici dalle cupole estradossate e dagli intonaci ruvidi in pozzolana.Solo la luce e la materia definiscono le qualità architettoniche delle case altrimenti prive di ornamento.Gli aggregati di case conformano le “cortine” vere cellule dell’unità residenziale dotate di attrezzature per l’uso collettivo degli spazi:lavatoi,cisterne,aie,forni per il pane.Il progetto nasce dalla volontà di confrontarsi con le preesistenze e di reinterpretare lo spazio delle”cortine” in chiave contemporanea prendendo dal contesto il senso dello spazio e traducendolo in una esperienza nuova.La mediateca fonde varie funzioni nello stesso luogo in modo da diventare un luogo di incontro,di aggregazione e si pone in concorrenza con altri luoghi di consumo collettivo.Insieme al cineteatro e alla corte usufruibile anche per attività teatrali o di intrattenimento all’esterno,il complesso si pone come un centro culturale polarizzante per la cittadina addormentata per la mancanza di spazi di uso collettico.La location del progetto è stata scelta in una zona cuscinetto tra il centro antico e una zona di nuova espansione residenziale e si vuole collocare come anello di congiunzione tra le due parti.Il linguaggio architettonico è affidato a figure geometriche semplici,chiare alla loro matericità e alle loro ombre capaci di rievocare immagini conosciute della cittadina di Terzigno.

X