“¡EXPRESATE!”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email

“¡EXPRESATE!”, presentato al concorso per il Monumento alla Libertà d’Espressione a Madrid, è un progetto che si situa alla confluenza arte, architettura e nuove tecnologie della comunicazione.
Si tratta di un lenzuolo gigante che si spiega sulla facciata della sede dell’associazione della stampa di Madrid. La superficie è concepita come un grande schermo interattivo, uno spazio virtuale a disposizione dei cittadini e della città. Gli abitanti di Madrid possono, tramite internet o un cellulare, inviare immagini, testi, video o animazioni che verranno pubblicati sulla superficie luminosa. L’opera pretende diventare per Madrid una sorta di nuovo spazio espositivo e uno strumento di rafforzamento per la vita cittadina.

La gestione dei contenuti e l’accesso degli utilizzatori si effettua tramite un portale web.
L’intervento si colloca nel campo della partecipazione pubblica ed evoca i temi della web 2.0, delle creative commons, delle esperienze di creazione collettiva come wikipedia e wikimap madrid.

La potenza degli strumenti collaborativi attira ormai l’interesse di campi sempre piu’ ampi e diversi tra di loro, dall’arte al commercio all’azione sociale: si parla di rivoluzione 2.0. “¡EXPRESATE!” pretende applicare questi paradigmi con lo scopo di sperimentare uno strumento innovativo per una libertà di espressione reale e diretta, sfruttando le possibilità offerte dalle nuove tecnologie dell’informazione e delle telecomunicazione (NTIC).

La grande superficie luminosa è costituita da 3126 pixel colorati gestiti da un’unità centrale di calcolo collegata ad internet.
L’energia elettrica necessaria al funzionamento del sistema, realizzato con schermi a basso consumo energetico, è fornita dai pannelli solari istallati sulla sommità dell’edificio.
Un’antenna collocata sopra la copertura garantisce una copertura wi-fi della zona per un raggio di 100 metri e intende rappresentare il simbolo di quella che puo’ definirsi “un’interpretazione contemporanea e innovativa della libertà d’espressione”.

X