Soumaya Museum, Messico

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email

da FlashArt newsletter

L’uomo più ricco del mondo, Carlos Slim Helú, il cui patrimonio si stima intorno ai 50 miliardi di dollari, è un avido collezionista d’arte. Martedì scorso è stato inaugurato il suo Soumaya Museum con un suntuoso party a Città del Messico. Il museo prende il nome dalla defunta moglie del magnate delle telecomunicazioni, proprietario della più grande compagnia telefonica dell’America Latina.

Carlos Slim Helù, settantuno anni, presenterà la sua vastissima collezione in occasione dell’apertura del museo al pubblico alla fine di marzo: si tratta di uno dei più grandi musei dell’America Latina, in grado di ospitare più di 60,000 opere d’arte. In collezione, opere di Auguste Rodin, oltre a quelle dei maestri europei del Novecento e dei maggiori esponenti dell’arte messicana, tra cui Diego Rivera.

Il museo è stato progettato dal genero del magnate. Arroccato su una collinetta erbosa, l’asimmetrico edificio ha la forma di una manica ricoperta di moduli metallici esagonali che catturano la luce. L’edificio ospiterà anche uffici e negozi.

La Redazione
Architettare.it è un Vortal dedicato ad architettura, design e lifestyle. Nasce nel 2000, come blog di studenti dell’Università di Architettura di Roma La Sapienza. Pubblica il primo articolo nell’Ottobre dello stesso anno e dalla data di fondazione ha ricevuto diversi apprezzamenti dalla critica e dal pubblico, tanto da essere uno dei siti più apprezzati e longevi del settore.
X