Allestimento temporaneo EXTRA art cafè

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email

“L’emozione oggi più che mai è un elemento di importanza primaria nel progetto:
non più limitata alla sfera dell’arte determina i modi di vita e la comunicazione.”

Nell’allestimento della mostra “i nostri primi 3 anni” abbiamo voluto che la “messa in scena” degli oggetti, dei lavori, delle immagini suscitassero “emozioni”, di qualsisi tipo esse fossero .
Nostra intenzione è stato accrescere il piacere visivo e il desiderio successivo di avvicinarsi alle immagini, per riuscire ad aiutare a comprendere e diventare quindi una guida, un sostegno per la trasmissione dei contenuti;
E’ un allestimento che è una chiave di lettura per il fatto di essere stato il mezzo di comunicazione di se stesso.
Tanto più, sovente, gli allestimenti temporanei siano eventi belli ma effimeri, destinati a scomparire subito dopo il tempo per il quale sono programmati.
Per la caratteristica di questo recente allestimento esso si avvicina a forme molto più “moderne” di comunicazione basate sulla comunicazione/grafica/interazione.
L’aggiunta dell’elemento spaziale suggerito dall’ambiente espositivo permette la decontestualizzazione del visitatore che, persi i riferimenti condizionanti del proprio intorno, diventa involontariamente più ricettivo e – se il progetto ritiene sia un buon progetto – riesce a conservare meglio il messaggio.
La mostra è divisa in 2 sezioni.
La prima dedicata ai progetti di architettura/design (segnata dai fili di corda tesi) la seconda dedicata ai prototipi (segnata dai metri sospesi).
Il materiale documentario è esposto nella prima sezione ad altezza uomo intersecante semplicissimi fili di corda tesa che assicurano una corretta lettura delle immagini stesse.
La didascalia relativa alle immagini è inserita direttamente tra le corde, contrassegnando ogni lavoro.
La forma in pianta del progetto di allestimento è funzionale alla lettura individualizzata dei singoli progetti.
Il visitatore ha così la possibilità di guardare ogni fotogramma senza che quelli adiacenti disturbino il campo ottico.
L’illuminazione, elemento di rilievo del progetto, è studiata in relazione al particolare materiale impiegato : fasci di luce provenienti dall’alto illuminanole corde tese dall’interno, creando un suggestivo controluce che alleggerisce tutta la struttura .

Testo estratto dalla mostra:

L’utilizzo di un metro non solo dimensionale, ma anche temporale ed emotivo fa parte del nostro approccio quotidiano al progetto.
Per fare Architettura e Design è necessario relazionarsi con le relative scale dimensionali all’idea originale, cercando e sforzandosi di colmare vuoti di progetto.
Per giudicare l’Architettura e il Design bisogna tener conto del tempo. Tempo inteso come collaudatore effettivo dell’opera. E’ solo il tempo che rende un’opera atemporale.
Per comunicare l’Architettura e il Design occorre emozionare, occorre incantare…
…“L’incanto, questa cosa inutile ed indispensabile come il pane: da nobis hodie incantum quotidianum”*

  • Gio Ponti

Committente: Extra art cafè
Progettista: Na3 [Nicola Auciello con Alessio Fasciolo e Vincenzo Ramires Pomella]

X