Case del balilla. Architettura e fascismo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email

Autore:  Rinaldo Capomolla, Marco Mulazzani, Rosalia Vittorini e Emilio Gentile

Prezzo: 90,00

Editore:
Electa
Torino
edito il 2008

Il volume edito da Electa nella collana Architetti moderni presenta l’esperienza architettonica maturata all’interno dell’Opera Balilla che, in poco meno di un decennio, tra gli anni ‘20 e ‘30 del Novecento, si è concretizzata nella realizzazione del complesso del Foro Mussolini (oggi Foro Italico) a Roma e in centinaia di edifici sparsi sul territorio nazionale: le case del balilla.

Il volume edito da Electa nella collana Architetti moderni presenta l’esperienza architettonica maturata all’interno dell’Opera Balilla che, in poco meno di un decennio, tra gli anni ‘20 e ‘30 del Novecento, si è concretizzata nella realizzazione del complesso del Foro Mussolini (oggi Foro Italico) a Roma e in centinaia di edifici sparsi sul territorio nazionale: le case del balilla. Si tratta di un tipo edilizio nuovo destinato a divenire il luogo deputato alla formazione dei giovani negli anni del regime fascista. Considerata inizialmente poco più che una struttura di servizio – costituita da una semplice palestra e, nelle città maggiori, attrezzata con biblioteca, cinema-teatro, piscina e campi da gioco all’aperto – la casa del balilla è oggetto, dai primi anni ‘30, di un progressivo affinamento tipologico e formale. Nei progetti e nelle realizzazioni più significative di una nuova generazione di professionisti quali quelli precedentemente citati, si possono cogliere i riflessi di una questione cruciale per le vicende dell’architettura moderna italiana tra le due guerre mondiali: la volontà di definire un canone per l’architettura del fascismo. Il volume, che documenta per la prima volta e con materiali in grandissima parte inediti il fenomeno in tutta la sua ampiezza, comprende un articolato repertorio di oltre duecento edifici costruiti o progettati da architetti di gran nome (Enrico Del Debbio, Luigi Moretti, Francesco Mansutti, Gino Miozzo, Adalberto Libera, Mario Ridolfi, Mario Cereghini, Gaetano Minnucci, Cesare Valle) e una selezione di architetture esemplari illustrate da un cospicuo apparato iconografico originale. Tre saggi ricostruiscono il quadro dell’attività dell’Opera analizzando la vicenda edilizia nel suo complesso, le caratteristiche tecniche e tipologiche delle case e il ruolo di una committenza affatto particolare, attiva negli anni più significativi per i rapporti tra architetti italiani e regime fascista. L’introduzione, affidata allo storico Emilio Gentile, colloca l’esperienza dell’Opera balilla tra i più complessi programmi di trasformazione della società tentati dal fascismo. Biografie degli autori Emilio Gentile è professore ordinario di Storia contemporanea presso la Facoltà di Scienze politiche dell’Università di Roma La Sapienza. Rinaldo Capomolla è professore associato di Architettura tecnica presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Roma Tor Vergata. Marco Mulazzani è professore associato di Storia dell’Architettura presso la Facoltà di Architettura di Ferrara. Dal 1997 è redattore di Casabella. Rosalia Vittorini è professore associato di Tecnologia degli elementi costruttivi presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Roma Tor Vergata. Sommario L’Opera nazionale balilla: il “più gigantesco esperimento di educazione di Stato che la storia ricordi” Emilio Gentile Costruire per educare: le case del balilla Rosalia Vittorini La costruzione delle case del balilla e l’edilizia nell’Italia fascista Rinaldo Capomolla L’architettura per la gioventù: forme e tipi Marco Mulazzani Atlante Regesto

La Redazione
Architettare.it è un Vortal dedicato ad architettura, design e lifestyle. Nasce nel 2000, come blog di studenti dell’Università di Architettura di Roma La Sapienza. Pubblica il primo articolo nell’Ottobre dello stesso anno e dalla data di fondazione ha ricevuto diversi apprezzamenti dalla critica e dal pubblico, tanto da essere uno dei siti più apprezzati e longevi del settore.
X