Borgo San Martino

Posted · Add Comment

 

Nel cuore del Friuli, a pochi passi dal centro di San Daniele, sorge Borgo San Martino: un complesso residenziale, commerciale e direzionale sviluppato secondo le forme della tipica corte friulana.
Il complesso, progettato dallo studio Marpillero&Associati di Udine, si contraddistingue per le finiture e cura superiori che lo rendono modello di sostenibilità ambientale. Completamente inserito nel verde delle colline sandanielesi, ma al tempo stesso molto vicino al centro della cittadina, Borgo San Martino è infatti dotato delle più moderne tecnologie per il risparmio energetico: l’impianto termico-solare e quello fotovoltaico garantiscono energia “green” a basso costo, mentre gli infissi in legno a basso coefficiente di dispersione di calore permettono un contenimento dei costi di riscaldamento. La stessa forma compatta del complesso, che si sviluppa attorno ad un grande cortile centrale, diminuisce il dispendio energetico totale, aumentando così l’efficienza delle singole unità immobiliari. Il sistema di riscaldamento è a pavimento e, sebbene sia centralizzato per ottimizzarne la gestione ed i relativi oneri, consente una parzializzazione dei costi garantendo così autonomia e controllo. Anche i tetti ventilati e l’isolamento a cappotto evitano la dispersione di calore ed i ponti termici: inoltre gli edifici sono predisposti per un eventuale sistema di raffrescamento, sebbene il verde circostante e i numerosi strati di isolamento del complesso garantiscano già una elevata schermatura dal calore.
Borgo San Martino (nella foto di Alberto Moretti) non solo si inserisce armonicamente all’interno di un contesto naturale prezioso, ma è anche circondato da un percorso nel verde a disposizione della comunità. L’interesse per la comunità e per il gruppo è infatti alla base della filosofia che ha accompagnato l’intervento: sviluppandosi come un abbraccio intorno al cortile centrale, questo nuovo complesso offre ai residenti la possibilità di lasciare liberi i bambini in uno spazio aperto ma protetto, così come rende possibile la cooperazione tra il vicinato. Va inoltre segnalato che tutti i servizi accessori riguardanti le auto, come ad esempio i parcheggi e i garage, sono interrati: l’ambiente rimane dunque pulito e la vista del borgo rimane quella di una corte friulana d’altri tempi… Un esempio di innovazione nel solco della tradizione.

 
 

Rispondi

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: